MiSE: intervento agevolativo in favore di progetti di RI&SS nei settori della strategia nazionale di specializzazione intelligente

Il MiSE ha varato un intervento agevolativo in favore di progetti di RI&SS finalizzati alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di quelli già esistenti nei settori della strategia nazionale di specializzazione intelligente, in particolare Fabbrica Intelligente, Agrifood, Scienze della vita.

Con successivo decreto direttoriale saranno aperti i termini per la presentazione delle domande e la definizione dei modelli e criteri di valutazione dei progetti.

La misura prevede:

  • una procedura negoziale (DM 24/05/2017) : riguarda Accordi per l’innovazione relativi a progetti di R&S con rilevante impatto tecnologico per la capacità competitiva delle imprese al fine di salvaguardare i livelli occupazionali. Tali accordi sono da attuare sull’intero territorio nazionale (Regioni meno sviluppate, in transizione e più sviluppate). I progetti dovranno avere una durata non superiore a 36 mesi, un valore compreso tra 5 e 40 milioni di euro e un partenariato con massimo 5 co-proponenti. Le agevolazioni (art. 6 DM 24/05/2017) sono nella forma del contributo diretto alla spesa e/o del finanziamento agevolato.
  • una procedura a sportello (DM 01/06/2016) : relativa a Progetti R&S per stimolare le attività di ricerca e sviluppo di rilevanza strategica per il sistema produttivo e nello specifico per la competitività delle PMI. Sono da attuare nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), in transizione (Abruzzo, Molise, Sardegna) e nel limite del 35% nelle Regioni più sviluppate (Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Trentino Alto-Adige, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto). Le caratteristiche dei progetti prevedono una durata tra 18 e 36 mesi, un valore compreso tra 800mila e 5 milioni di euro e un partenariato con massimo 3 co-proponenti. Le agevolazioni previste dall’art. 6 del DM 01/06/2016 sono nella forma del contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato.

Gli OR possono essere beneficiari solo se co-proponenti di progetti congiunti con le imprese (di qualsiasi dimensione) o nel ruolo di consulenti delle imprese.

Considerati i vincoli di rendicontazione/cofinanziamento posti dal MiSE, che applica interpretazioni restrittive rispetto ai regolamenti europei richiamati dalle misure di intervento in oggetto, il coinvolgimento di UdR INSTM nelle proposte progettuali, in qualità di OR, è consigliabile non come proponente, bensì nel ruolo di consulente delle imprese (ovvero fornitore di servizi di consulenza e altri servizi utilizzati per l’attività del progetto di ricerca e sviluppo, inclusa l’acquisizione o l’ottenimento in licenza dei risultati di ricerca, dei brevetti e del know-how, tramite una transazione effettuata alle normali condizioni di mercato).

A tal fine è opportuno sottolineare che sono previste maggiorazioni del contributo alla spesa nei casi di collaborazione tra imprese e OR coinvolti sia in qualità di proponenti che in qualità di consulenti. Riguardo ai servizi di consulenza non è prevista una percentuale massima di costi da imputare a budget.

Link: www.sviluppoeconomico.gov.it.

© 2013-2019 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali