CNR-IFAC: assegno di ricerca annuale in partenza dal 1° luglio 2019

L’Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara” del CNR ha bandito un assegno di ricerca professionalizzante della durata di 12 mesi (eventualmente rinnovabili per altri 24 mesi) nell’ambito del progetto “Development of a cost-effective wearable metal nanowire-based chip sensor for optical monitoring of metabolites in sweat – DESWEAT” finanziato dal MAECI all’interno del Programma Esecutivo di Cooperazione Internazionale tra Repubblica Italiana e Repubblica Coreana 2019-2021.

L’attività di ricerca riguarderà lo sviluppo di un sensore indossabile a base di nanomateriali d’argento per rivelazione ottica di metaboliti nel sudore finalizzata al monitoraggio di malattie croniche. L’assegno partirà il 1° luglio 2019.

Il candidato dovrà possedere, tra le caratteristiche richieste, una laurea magistrale in Ingegneria Biomedica, Biologia, Fisica, Chimica, età inferiore ai 35 anni, conoscenze base di analisi dei dati (Es: Origin, Igor, etc.), conoscenza della lingua inglese. Esiste la possibilità anche di attivare un dottorato di ricerca pagato attraverso l’assegno per candidati che intendono conseguire un dottorato.

Il team di ricerca è quello del Laboratorio di Nano-biospettroscopia presso CNR-IFAC di Sesto Fiorentino (FI) comprendente fisici e chimici esperti in spettroscopia Raman, AFM, fabbricazione di materiali nanostrutturati, assemblaggio di materiali ibridi per applicazioni di sensing e diagnostiche, caratterizzazione strutturale di biomolecole.

Contatti: Dr. Paolo Matteini (tel. 055 5225534 – Mail: p.matteini@ifac.cnr.it)

© 2013-2019 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali