Accordo INSTM-Regione Lombardia: giornata di presentazione dei progetti finanziati all’UdR di Brescia

Giovedì 3 novembre 2016 saranno presentati, durante una giornata appositamente dedicata, i tre progetti “made in UNIBS” finanziati dal Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali (INSTM) e da Regione Lombardia nell’ambito dell’Accordo stipulato il 24 settembre 2015 tra i due enti per la sperimentazione di iniziative di sviluppo, valorizzazione del capitale umano e trasferimento dei risultati della ricerca con ricaduta diretta sul territorio lombardo.

L’appuntamento è, per stampa e addetti ai lavori, a partire dalle ore 11 presso il Salone Apollo dell’Università degli Studi di Brescia, in Piazza del Mercato, 15.

Parteciperanno all’evento il prof. Roberto CHiesa, in rappresentanza di INSTM, il rettore dell’Università di Brescia, prof. Maurizio Tira, il Delegato all’Innovazione ed ai rapporti con le Industrie, prof. Rodolfo Faglia, nonché rappresentanti del mondo industriale coinvolti strettamente nei progetti, quali XearPro, Smart Solutions e il Consorzio Ramet.

QUALI SONO I PROGETTI FINANZIATI?

Si tratta di tre studi coordinati da altrettanti ricercatori appartenenti all’ateneo lombardo. I progetti di ricerca che prevedono investimenti complessivi ammessi pari a 290 mila euro cofinanziati al 50% da Regione Lombardia e dal Consorzio INSTM (a cui bisogna aggiungere una quota di 78 mila euro cofinanziata da tre imprese), vogliono contribuire fattivamente, grazie anche al coinvolgimento del sistema economico, alla risoluzione dei problemi di inquinamento di aria, acqua e suolo, condiviso da molte aree della Lombardia, e dello smaltimento dei prodotti di scarto industriali. Come?

Il progetto SLAG NEWLIFE (coordinatore Laura Eleonora Depero) si propone di stimare la qualità e le potenzialità delle scorie legate alla produzione dell’acciaio, le cosiddette scorie nere che rappresentano circa il 15% della produzione di acciaio. L’ambizione è valutarne il definitivo riutilizzo, grazie alle caratteristiche di composizione e proprietà meccaniche, come materiali alternativi nelle costruzioni civili.

Il progetto BASALTO (coordinatore Elza Bontempi) si pone l’obiettivo di produrre nuovi materiali porosi e sostenibili in grado di catturare il particolato atmosferico. L’idea è utilizzare prodotti a basso costo ed “environmentally friendly”, come sottoprodotti, waste e materiali usati in campo alimentare. Con l’aiuto di XearPro, impresa lombarda innovativa dedicata allo sviluppo di nuove tecnologie di monitoraggio del particolato.

Il progetto MI BATTI E L’ABBATTI (coordinatore Ivano Alessandri) si propone di risolvere il problema del monitoraggio e dell’abbattimento di microinquinanti attraverso lo sviluppo di microsfere capaci di adattarsi al tipo di sostanza da analizzare e di rimuoverla efficacemente. La realizzazione del progetto si avvale anche del supporto tecnico di Smart Solutions., uno spin-off dell’Università di Brescia specializzato nel campionamento ambientale.

Scarica la scheda di presentazione dei progetti.

COS’È L’ACCORDO INSTM/REGIONE LOMBARDIA?

È un’intesa volta a valorizzare e potenziare l'esperienza positiva maturata nell’ambito del percorso iniziato nel 2009 da Regione Lombardia e INSTM con lo scopo di incrementare e migliorare le attività di ricerca delle università privilegiando azioni dirette sul capitale umano, coinvolgendolo e indirizzandolo verso il tessuto produttivo.
Le risorse messe in campo sono pari a 1,5 milioni di euro, per un periodo di due anni e mezzo, equamente ripartite tra Regione Lombardia e INSTM, finanzieranno progetti di ricerca innovativa e formazione di giovani ricercatori meritevoli e qualificati o di ricerca e trasferimento tecnologico oppure di tipo integrato, inclusivi delle due tipologie sopra specificate.

Link: Accordo INSTM/Regione Lombardia.

© 2013 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali