Possibilità di accesso alla beam line di Elettra-Sincrotrone tramite Eni

Eni ha stipulato un accordo di collaborazione scientifica con Elettra-Sincrotrone SCpA finalizzato all’uso della beam line presente nel centro di ricerca di Trieste. L’intesa ha una durata di tre anni (dal 1° gennaio 2018 fino al 31 dicembre 2020) e prevede la disponibilità complessiva di 900 ore di luce di sincrotrone o beam line suddivise in 300 ore/anno.

I gruppi di ricerca INSTM, in virtù dell’accordo quadro tra il Consorzio e Eni, potranno accedere alla beam line di Elettra-Sincrotrone presentando le proposte di utilizzo indicativamente entro il 10 maggio per il primo semestre e il 10 novembre per il secondo semestre di ogni anno.

Le proposte dovranno avere attinenza con gli interessi di Eni ed è preferibile, ma non necessario, che rientrino in studi all’interno progetti di collaborazione attivi. Le tematiche di interesse di Eni sono:

  • Energia (materiali utilizzati per conversione energetica (catalizzatori, batterie, ecc.), utilizzo di fonti rinnovabili, fotovoltaico organico, ecc.)
  • Economia circolare (minimizzazione e riutilizzo di prodotti di scarto, produzione di materiali facilmente riutilizzabili, ecc.)
  • Decarbonizzazione (passaggio a combustibili con minor “impronta di carbonio” quali, metano, metanolo, idrogeno)
  • Geologia e geofisica
  • Industria 4.0 (robotica, stampa 3D, ecc.)

INSTM farà da punto di raccolta delle proposte degli afferenti, stilate seguendo il form fornito da Eni. Tali proposte potranno essere inviate a direzione@instm.it appena pronte, anche per sfruttare eventuali “finestre” che potrebbero liberarsi prima della scadenze ufficiali del 10 novembre e 10 maggio.

Informazioni sulle beamline e sulle applicazioni della luce di sincrotrone: www.elettra.trieste.it.

© 2013-2018 - Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali